spot_img
venerdì 12 Luglio 2024
spot_img

Domenica “La Cantatrice Calva” al Teatro Cucinelli

Da leggere

Mauro Malinverno e Valentina BanciDomenica 2 febbraio, alle 21, al Teatro Cucinelli di Solomeo va in scena La Cantatrice Calva ultima regia di Massimo Castri, scomparso a Firenze nel gennaio 2013, uno dei più grandi maestri del teatro italiano.

La Cantatrice Calva è un opera del 1950 Eugene Ionesco uno dei  rappresentanti più famosi, insieme a Beckett, di quella corrente teatrale contemporanea definita “teatro dell’assurdo” che porta in scena i nodi esistenziali dell’uomo moderno: incomunicabilità, falsità di rapporti, routine, difficoltà a dare un senso all’esistenza.
I protagonisti sono due anonime coppie inglesi – gli Smith e i Martin – rappresentati come gli archetipi della borghesia; parlano ma non comunicano, limitandosi a uno scambio di frasi banali e convenzionali. Sono prigionieri del conformismo, simili ad automi viventi, senza alcuna sostanza psicologica. Il risultato è una situazione paradossale, comico-grottesca in cui i protagonisti dialogano sul nulla.
La bizzarria del titolo suggerisce chissà quali significati simbolici: niente di tutto questo, fu solo il risultato del lapsus di un attore durante le prove. Quindi non facendo mai apparire in scena l’enigmatica figura cantatrice calva si crea un mistero attorno ad un personaggio che, pur non svolgendo alcun ruolo, è importante ed essenziale nella commedia.
Tra gli interpreti Mauro Malinverno, Valentina Banci, Fabio Mascagni, Elisa Cecilia Langone, Sara Zanobbio, Francesco Borchi.Lo spettacolo ,che è al suo terzo anno di repliche, vede ora la collaborazione alla regia del ternano Marco Plini.

Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 19. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita.
E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

Corcianonline è accessibile liberamente e senza costi.
Ciò è possibile anche grazie al supporto di coloro che ci sostengono, convinti che un'informazione accurata sia fondamentale per la nostra comunità.
Se hai la possibilità, unisciti al nostro sforzo con una semplice donazione.





Può interessarti anche

Cerca nel sito

 

Ultime notizie

spot_img