Terrorismo: espulso 52enne che predicava a al centro islamico Assalam di Corciano

Notizia pubblicata il 14 luglio 2017 - 21:12

Un cittadino marocchino di 52 anni, residente a Perugia dove era stato imam presso il Centro Culturale Islamico e dal quale era stato allontanato a seguito della sua impostazione salafita, è stato espulso per “motivi di sicurezza dello Stato” con un provvedimento firmato dal ministro dell’Interno, Marco Minniti.
L’uomo era da tempo all’attenzione investigativa della Digos di Perugia per i suoi contatti con soggetti coinvolti in indagini per terrorismo, tra i quali l’ex imam della moschea di Ponte Felcino arrestato nel 2007 e poi condannato per reati di terrorismo internazionale. In questo contesto è stato accertato che il cittadino marocchino aveva contribuito a radicalizzare due cittadini tunisini espulsi, nel 2015 e nel maggio 2017, in esecuzione di due distinti provvedimenti del Ministro dell’Interno emessi per motivi di sicurezza”.

Inoltre lo straniero continuava a svolgere lezioni coraniche e prediche ultraradicali presso il luogo di culto Assalam di Corciano mentre sul suo profilo facebook sono emersi post con i quali condivideva inequivocabilmente l’ideologia e i metodi del Daesh.
Per questi motivi, è stato adottato il provvedimento di espulsione a firma del ministro dell”Interno, ed è stato rimpatriato oggi con accompagnamento nel suo Paese di provenienza con un volo decollato dalla frontiera aerea di Roma-Fiumicino.
Con il rimpatrio di oggi, il 64/mo del 2017, sono 196 i soggetti gravitanti in ambienti dell”estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal gennaio 2015 ad oggi. (ANSA).

Tags: , , ,

13 Commenti a Terrorismo: espulso 52enne che predicava a al centro islamico Assalam di Corciano

  1. 15 luglio 2017 at 16:43

    Quelli che razzolano male non vengono espulsi, solo chi prega ahahahah

  2. 14 luglio 2017 at 23:16

    Complimenti se lo hanno espulso ora sai quanto tempo sarà stato a fare proselitismo mi raccomando albergatori pidioti e affini continuiamo ad accogliere questa feccia !!

    • 15 luglio 2017 at 16:04

      Non è un migrante. Non è arrivato coi barconi, e un immigrato marocchino arrivato per i fatti suoi come tanti immigrati

  3. 14 luglio 2017 at 22:34

    Scusate ma corciano è peggio di mosul

    • 15 luglio 2017 at 16:09

      Sparano di casa in casa?

    • 16 luglio 2017 at 0:39

      Norma se sono stati presi provvedimenti di espulsione nei confronti dell’immam cìè poco da fare ironia!

    • 16 luglio 2017 at 0:43

      Mosul, torture e uccisioni: la vendetta dell’esercito contro i miliziani …
      http://www.tgcom24.mediaset.it › Mondo
      1 giorno fa – Torture, violenze e uccisioni. A Mosul, la città riconquistata dall’esercito iracheno, è scatta la rappresaglia dei soldati nei confronti dei miliziani .. ” .HANNO ESPULSO uno che faceva propaganda e cercava di reclutare … ”

    • 16 luglio 2017 at 17:41

      Norma anche solo 1 è cosa fatta bene, perché qui non ce deve sta’! o rispetta le leggi o va via! ti fa pena forse?

  4. 14 luglio 2017 at 21:23

    Ditelo al sindaco betti ….che facciamo un altra boldrini ?

    • 15 luglio 2017 at 16:08

      Non era un rifugiato, non era mantenuto da nessuno ….cosa dovrebbero fare i sindaci ? I compiti di indagine e polizia spettano ad altri

    • 15 luglio 2017 at 16:21

      Forse non hai letto bene…volevo solo capire dove si trova questo …centro islamico x rendermi conto dove vanno a finire i soldi dei contribuenti …oppure non dovrebbe essere un mio diritto ? Prova a chiederlo al sindaco anche se non lo ho eletto io

    • 16 luglio 2017 at 0:37

      Enrico stavo per entrare dal cancelletto di una specie di negozio per chiedere informazioni sul negozio a fianco che era da affittare quando un uomo da dietro mi dice “no signora, questa è una moschea!” ovviamente da fuori non si capisce, anche se ultimamente a volte si vedono alcuni uomini fuori, è in via Ponchielli, proprio all’estremità della strada, si vede in questo articolo.
      http://www.corcianonline.it/2015/08/12/blitz-di-forza-nuova-per-chiudere-la-moschea-di-ellera-limam-abdel-qader-e-un-circolo-culturale-sono-fratelli-pacifici/

    • 16 luglio 2017 at 6:34

      Visto ? Tutto anonimo e tutto in silenzio …perchè ? Forse x i signori del comune i cittadini non contiano nulla ? Eppure quando è ora di tartassarci si ricordano sempre di noi ….oppure con le loro scelte insensate hanno paura di perdere voti …sbaglio signor Betti ? La cittadinanza aspetta almeno da qualche suo collaboratore una giustificazione anche se nè dubito …questo è il solito modo ..democratico delle sinistre ..invece io le dico che noi aspettiamo impazienti le elezioni comunali sempre che non succeda qualcosa prima …io x il momento faccio propaganda xk è giusto che la gente sappia ..
      Giustamente le fabbriche chiudono il lavoro “quello vero” non da comunale con stipedio fisso e culo da muovere” manca ……..ed è giusto occupare i spazi vuoti con dei terroristi ….lo stabile è di proprità comunale oppure ? Quanto paghiamo di affitto e a chi ? Sà ci interesserebbe dove buttiamo i soldi …grazie

Commenta la notizia